Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Porta Sant’Andrea in sostegno della fondazione “il Cuore si scioglie”

Il Gruppo Musici con il Calcit per gli auguri alla Città
21 Dicembre 2018
Sabato 12 gennaio si apre l’anno giostresco 2019 con l’offerta dei ceri al beato Gregorio X
10 Gennaio 2019

Circa duecento persone presenti, raccolti 360 euro per un progetto della Fondazione Meyer di Firenze in favore dei bambini siriani di Aleppo.
Un successo anche quest’anno la quarantesima edizione del tradizionale “Tombolone di Natale” del Quartiere di Porta Sant’Andrea: circa duecento quartieristi hanno trascorso la serata di sabato 26 dicembre nella sala d’armi di Palazzo san Giusto tra tombole, divertimento e solidarietà. Anche quest’anno, infatti, la dirigenza biancoverde ha confermato l’adesione alla campagna di adozioni a distanza “il Cuore si scioglie”, promossa dalla sezione soci Coop di Arezzo.

Per finanziare i progetti di adozione a distanza e interventi di cooperazione in Italia e all’estero, l’intero incasso di una delle tombole, 360 euro, è stato devoluto alla fondazione “il Cuore si scioglie” e consegnato alla rappresentante della sezione soci Coop aretina Milena Dionigi.

“Sono molto soddisfatto del risultato, – dice il rettore del Quartiere Maurizio Carboni – ancora una volta abbiamo finalizzato una serata di aggregazione per le nostre famiglie ad un progetto di solidarietà e c’è stata una risposta più che positiva. Siamo felici di poter dare il nostro contributo anche a questa iniziativa.”

“Ringraziamo Porta Sant’Andrea perché da molti anni contribuisce attivamente ai nostri progetti, – afferma Milena Dionigi di Coop Arezzo – il Quartiere quest’anno ha scelto di sostenere un progetto in Siria, dove prosegue l’importante intervento umanitario avviato lo scorso anno ad Aleppo, che si arricchisce di un’importante partnership: insieme alla Fondazione Meyer e in collaborazione con Arci e Fondazione Giovanni Paolo II, si cercherà di assicurare cure mediche e assistenza specialistica a centinaia di bambini, per aiutarli a superare i gravi traumi subiti a causa del conflitto.”

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X