Dal “Tombolone di Natale” sostegno alla fondazione “il Cuore si scioglie”

I gruppi giovanili dei quartieri partecipano all’organizzazione del pranzo di Natale per i bisognosi
28 dicembre 2017
Una Befana per la Città
3 gennaio 2018
Show all

Circa duecento persone presenti, raccolti 325 euro per un progetto in Perù in favore di bambini e adolescenti.

Un successo anche quest’anno la trentanovesima edizione del tradizionale “Tombolone di Natale” del Quartiere di Porta sant’Andrea: circa duecento quartieristi hanno trascorso la serata di sabato 26 dicembre nella sala d’armi di Palazzo san Giusto tra tombole, divertimento e solidarietà. Anche quest’anno, infatti, la dirigenza biancoverde ha confermato l’adesione alla campagna di adozioni a distanza “il Cuore si scioglie”, promossa dalla sezione soci Coop di Arezzo.

Per finanziare i progetti di adozione a distanza e interventi di cooperazione in Italia e all’estero, l’intero incasso di una delle tombole, 325 euro, è stato devoluto alla fondazione “il Cuore si scioglie” e consegnato alla rappresentante della sezione soci Coop aretina Milena Dionigi.

“Sono molto soddisfatto del risultato, – dice il rettore del Quartiere Maurizio Carboni – ancora una volta abbiamo finalizzato una serata di aggregazione per le nostre famiglie ad un progetto di solidarietà e c’è stata una risposta positiva. Siamo felici di poter dare il nostro contributo anche a questa iniziativa.”

“Ringraziamo Porta sant’Andrea per il sostegno che, ormai da anni, da ai nostri progetti, – afferma Milena Dionigi di Coop Arezzo – il Quartiere quest’anno ha scelto di sostenere un progetto in Perù, sostenuto da Arci con l’associazione Manthoc che è un movimento di auto-organizzazione di bambini e adolescenti lavoratori. Il contributo – spiega Dionigi – servirà per ampliare le attività del centro di accoglienza per i ragazzi lavoratori di strada a La Hoyada, quartiere di Pucallpa, nella regione di Ucayali. Hoyada è un popoloso quartiere afflitto da estrema povertà e diffusa delinquenza, in cui i bambini sono spesso costretti a lavorare in agricoltura e nelle segherie di legname. In un contesto in cui manca ogni servizio essenziale, esiste però un luogo in cui i diritti dei bambini sono al centro, in cui povertà e violenza sono cancellate con la cura e l’educazione: la Casa dei bambini di Hoyada. Casa che, costruita con materiali scadenti e poveri, rischia oggi di crollare. Con questo progetto possiamo aiutare a donare una speranza per i bambini di Hoyada, contribuendo alla ristrutturazione dell’edificio e al sostegno delle attività educative e sociali che si svolgono all’interno.”

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetto Cookie Policy
X